Api Regine Buckfast: la vita

Valutazione attuale:  / 0

Le api Buckfast derivano dall’incrocio fra una regina italiana e maschi del ceppo inglese. Tra le caratteristiche delle api regine Buckfast citiamo la buona docilità, l’eccellente produttività, la resistenza a svariate patologie, la buona capacità di svernamento ed una soddisfacente ripresa primaverile.

Come per tutte le razze artificiali, anche le api Buckfast sono in grado di creare grandi famiglie per l’intero anno. Per questo motivo, ogni stagione le famiglie sono pronte a vari raccolti.

ApiRegine Buckfastitaliane

Che dire della vita delle api regine Buckfast? Vivono relativamente a lungo e sono particolarmente robuste: per questo motivo, oltre alla loro tranquillità, alla fatto che scarsa propensione alla sciamatura e alla massima resa nella raccolta di miele, le api Buckfast sono particolarmente adatte non solo agli apicoltori professionisti, ma anche a chi fa questo mestiere per hobby.

Da anni, Apicoltura Laterza di occupa della vendita di api regine Buckfast e di produzione di pacchi d’api. Disponiamo di madri pure per l’allevamento. Spedizioni in Italia ed in tutta Europa. Per ulteriori informazioni, contattaci a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

Api regine ligustiche: caratteristiche

Valutazione attuale:  / 1

Le apri regine ligustiche si contraddistinguono per caratteristiche specifiche come la laboriosità, la prolificità e, soprattutto, la docilità, la domesticità e la produttività. Per questo motivo, è considerata l’ape industriale per antonomasia e gli apicoltori di tutto il mondo l’apprezzano per via della maggiore adattabilità a climi differenti, come quello temperato e quello subtropicale.

apiregineligustiche

Essendosi evolute nel caldo clima mediterraneo, le api ligustiche, specie le regine, riescono a tollerare gli inverni più rigidi, a patto che consumino una maggiore quantità di riserve, e le primavere più umide. Nella stagione autunnale, il consumo di miele aumenta la tendenza alla covata. Quest’ape è poco incline alla sciamatura e tende alla deriva tra le arnie.

Le caratteristiche delle api regine ligustiche

Come distinguere le api regine ligustiche dalle restanti? Le prime sono di colore giallo-dorato o più raramente di color rame; le altre api operaie, appartenenti sempre alla specie “mellifera ligustica” nota anche come “ape italiana” per via delle sue origini nell’Italia Settentrionale, presentano peli di colore giallo e segmenti dell’addome giallo chiaro. Il corpo delle api ligustiche è affusolato, la ligula presenta una lunghezza tra i 6,3 ed i 6,6 mm, mentre l’indice cubitale varia dai 2 ai 2,5 mm.

L’ape regina ligustica ha come principale qualità la grande capacità di ovodeposizione.

Più volte, si è parlato di rischio estinzione delle api ligustiche. La federazione italiana apicoltori ha affermato che negli ultimi anni la moria è impressionante: il numero di api morte si è rivelato superiore a quelle nate. Il motivo del problema? Va ricercato nell’introduzione delle specie spurie e nel ricorso agli insetticidi basati sull’imidacloprid.

Apicoltura Laterza si occupa di allevamento di api regine ligustiche e di produzione di pacchi d’api. Per saperne di più, scriveteci a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.. Spedizioni in Italia ed in tutta Europa.

Api regine ligustiche: caratteristiche - 5.0 out of 5 based on 1 vote

Caratteristiche dei vari tipi di miele

Valutazione attuale:  / 0

Sapevi che anche il miele è soggetto a classificazioni, perché in relazione alla tipologia di fiore da cui viene succhiato il miele, odore, sapore, colore e cristallizzazione sono differenti? Con questo articolo, indichiamo le caratteristiche dei vari tipi di miele.

caratteristichetipimiele
Miele d’acacia: noto per le sue proprietà antinfiammatorie per la gola, è particolarmente consigliato per combattere l’acidità di stomaco e per disintossicare l’apparato digerente. Non presenta cristalli, essendo liquido, e di tutti i tipi di miele presenti in questa lista, il miele d’acacia è quello dal colore più chiaro in assoluto. Il suo profumo è floreale, mentre il suo sapore è molto delicato.


Miele di agrumi: chiaro nel colore (quasi bianco nel cristallizzato) ed intenso nei profumi, questo tipo di miele tende a cristallizzare in maniera spontanea, dopo qualche mese che è stato raccolto. I suoi cristalli sono abbastanza grossi. A chi è consigliato? Per via delle sue proprietà è eccellente per combattere l’insonnia, l’eccitazione nervosa e per chi soffre di ulcere, per via della sua azione cicatrizzante.
Miele di eucalipto: utilissimo per la tosse per via della sua azione rapida anticatarrale, antibiotica ed antiasmatica.

I suoi cristalli sono fini, tutt’al più medi. Questo miele è caratterizzato a un colore ambrato (grigio nel cristallizzato), da odori molto intensi e pungenti e da un sapore decisamente aromatico.
Miele di castagno: lo si riconosce subito dal suo colore scuro, che varia da un ambrato al nero, in base alla zona di produzione. Il suo sapore è molto intenso ed il retrogusto è particolarmente amaro. I profumi sono davvero fortissimi. Per quanto riguarda la cristallizzazione,è lenta e mai regolare. Non a caso questo tipo di miele è in genere liquido. Le sue proprietà? E’ consigliato a bambini e ad anziani perché migliora la circolazione sanguigna e disinfetta le vie urinarie.


Miele di corbezzolo: tra i più caratteristici per via del colore ambrato con variazioni dal verde al grigio, del profumo che in alcuni casi ricorda i fondi di caffè, del sapore assai amaro e dell’aspetto cremoso dovuto alla granulazione fine. A chi è consigliato il miele di corbezzolo? A chi soffre di asma e a chi ha problemi alle vie urinarie.
Miele di Timo: consigliato a chi è debole di reni, questo miele è liquido e tende a cristallizzare piuttosto velocemente. Il colore è leggermente ambrato, i profumi sono floreali e il sapore è mediamente intenso.


Miele millefiori: concludiamo l’articolo sulle caratteristiche dei vari tipi di miele con quello più diffuso in assoluto. Sapore, profumi e colore variano in base alla tipologia, alla zona di produzione e alla stagione. In genere, il miele millefiori è fluido o cristallizzato e viene assunto da tutti (bambini in fase di crescita perché magnesio e calcio nelle ossa, giovani e anziani con tosse e sportivi).

Miele proprietà e benefici

Valutazione attuale:  / 1

Il miele è una alimento che viene prodotto dalle api a partire dall’elaborazione del nettare e della melata. Come in molte sostanze zuccherine, colore, profumi e sapori dipendono da una miriade di componenti che, nel caso specifico, sono principalmente i fiori di provenienza del nettare, il colore, la zona di produzione/le variazioni meteorologiche, il sapore, i profumi.

miele propietà e benefici

In riferimento alla tematica “miele proprietà e benefici” ci limitiamo a scriverne prima a livello generale e poi più nei particolari, perché ogni tipologia presenta caratteristiche diverse.

Diciamo perciò che in linea di massima, il miele è inserito in molte diete per l’infanzia, in quanto è in grado di fissare calcio, magnesio e sali minerali nell’organismo. Insonnia ed eccitazione nervoso possono essere curate con il miele per via della sua azione sedativa. La sua azione antiinfiammatoria fa che venga assunto per curare la tosse e i mal di gola. In genere, si consiglia di assumerlo nel latte, nel tè o in altre bevande, a patto che non siano bollenti, perché priverebbero il miele di molte delle sue proprietà. E’ meglio assumerlo poi come alimento “crudo”.

Scendendo un po’ più nei dettagli, evidenziamo come il miele di castagno migliora la circolazione del sangue e disinfetta le vie urinarie; il miele di girasole è ottimo per contrastare il colesterolo, mentre il miele di tarassaco è noto per la sua capacità di depurare i reni. Il miele di ginepro, invece, si dimostra un eccellente aiuto per chi ha problemi alle vie respiratorie, mentre il miele millefiori è conosciuto perché perfettamente in grado di disintossicare il fegato.

Recenti studi confermano che il miele è utilissimo sia per riprendersi da sbornie e serate di baldoria, per via di sostanze come sodio, fruttosio e potassio, che per combattere la dipendenza dalla nicotina,  assumendone un cucchiaino in combinazione con un pezzetto d’ananas.

Miele proprietà e benefici - 5.0 out of 5 based on 1 vote

Come curarsi con il miele

Valutazione attuale:  / 0

Il miele, oltre ad essere un alimento squisito, è considerato sin dai tempi della mitologia greca come l’ingrediente per antonomasia per la cura di mal di gola, tosse, raffreddore, cattiva digestione e ulcera. Oggigiorno, inoltre, il miele viene impiegato anche per combattere la dipendenza dalla nicotina. Come curarsi con il miele?

Quando si dice che il miele è un eccellente farmaco naturale contro i disturbi citati in precedenza, si fa sempre riferimento al suo consumo a “crudo”. Motivo? Beh, se il miele viene cotto perde tutte le sue capacità curative. Dovendo indicare la tipologia di miele più diffusa per questo aspetto, citiamo il “Millefiori”, noto per non avere un ingrediente prevalente e perché la sua produzione, come indica il nome stesso, ha origine da una moltitudine di specie floreali. Il miele “Millafiori” è di frequente utilizzato in sostituzione dello zucchero per via delle sue proprietà curative.


In riferimento a come curarsi con il miele, ci sono anche quelli di montagna assai utili per rinforzare le difese immunitarie, specie per chi si ammala spesso. E’ sufficiente assumerne un cucchiaio nel latte la mattina o al pomeriggio nel tè. La minaccia dei malanni di stagione, così, verrà allontanata senza problemi.
Il miele di castagno, contraddistinto da sapore intenso, retrogusto amaro e colore scuro, essendo particolarmente ricco di tannino è il non plus ultra contro l’influenza. Peccato che sia decisamente raro come tipologia di miele, tanto è vero che le api lo raccolgono anche di notte. E per i bambini? Il miele di Eucalipto è un valido sedativo della tosse, per via della sua rapida azione catarrale.

Con il suo sapore caramellato, è particolarmente adatto a chi soffre di asma. Come curarsi con il miele, se soffri di disturbi di digestione? In genere, si consiglia l’assunzione del miele di lavanda; a chi, nel corso della giornata, si sente particolarmente stanco, si consiglia l’assunzione della pappa reale, per via della sua azione energetica. Non è un caso, se viene assunto dai bambini per la loro crescita. Per curare insonnia e tachicardia, è molto apprezzato il miele di agrumi, usato fra le altre cose anche per migliorare la circolazione. Dulcis in fundo (è proprio il caso di dirlo) per combattere la nicotina, ultimamente si usa masticare un pezzo di ananas combinato a mezzo cucchiaio di miele. Prova e dicci se di fumare sigarette, proprio non ti va più.

Informazioni aggiuntive