Vendita nuclei di api

In materia di vendita nuclei di api, Apicoltura Laterza ha dalla sua le migliori attrezzature tra quelle presenti sul mercato. Per il controllo delle malattie delle api, non utilizziamo antibiotici, in quanto tassativamente vietati. Il nostro staff propone soluzioni altamente professionali sia in riferimento al B2B (assistenza aziende apistiche che necessitano di grosse forniture per incrementare il parco alveari) che, nei limiti del possibile, per clienti che ci richiedono piccoli ordini. Precisiamo però che nasciamo come impresa che vende all’ingrosso (minimo 550 pacchi per consegna). In linea di massima, l’allevamento degli sciamo e la produzione di nuclei di api parte da aprile.

Vendita nuclei di api con spedizione in Europa.

I pacchi vengono consegnati con un apposito cassettino, dove la presenza della rete metallica agevola il trasporto delle api nei lunghi trasporti su camion refrigerati, favorisce lo scambio termico e la ventilazione.

vendita nuclei di api

I pacchi vengono tenuti in cella frigo a 8 gradi e poi sono spediti entro un giorno, in modo da non far invecchiare le api prima che vengano inserite negli alveari.  Sempre in riferimento alla vendita nuclei api, tutti subiscono trattamenti antivarroa. Le api regine hanno tra i 7 e i 9 mesi.

Per la spedizione, in ogni caso, Apicoltura Laterza invita ad eseguirla personalmente nella nostra azienda, al fine di controllare il materiale e di conoscere tutte le cure da tenere in considerazione in fase di trasporto (dalla ventilazione allo spruzzo di acqua) o, se proprio siete impossibilitati, a farla seguire da personale esperto in materia.

Per avere maggiori informazioni in materia di nuclei d’api, pacchetti d’api, api regine, oltre che in materia di consulenza sull’acquisto delle migliori attrezzature per diventare apicoltori e per la fornitura di miele e cera d’api, potete scriverci un’e-mail all’indirizzo di posta elettronica.

Per ciò che concerne i consigli, a seguito della vendita nuclei di api, Apicoltura Laterza segnala che se per problemi di spazio si utilizza un’unica postazione (nuclei ammassati), è opportuna una sosta di 4 o 5 giorni. A seguito dello spostamento del cassettino (pochi metri indietro) e del collocamento al suo posto dell’arnia pronta a ricevere lo sciame, è opportuno procedere con il travaso dei favi del nucleo all’interno della nuova arma. E’ di fondamentale importanza che i telaini siano disposti nell’ordine originario e che l’ape regina sia inserita nella dimora nuova.

Occhio a non perderla se fosse sulle pareti dell’arnia. All’interno della nuova arnia verranno attirate le api bottinatrici, dato che le api ventilatrici diffonderanno nell’aria l’odore della ghiandola di Nasonof, situata alla fine dell’addome. In fase di travaso, è sempre opportuno aggiungere due fogli cerei conme secondo di sinistra e secondo di destra, in modo da far restringere il nido con un diaframma. Ulteriori telaini con i fogli cerei dovranno essere aggiunti solo dopo altre visite di controllo.

Il nutrimento della nuova famiglia è una necessità a fronte di primavere avverse. In quanto addetti ai lavori, suggeriamo un quantitativo di 4 litri di sciroppo nel corso della settimana. Bloccate tutto, una volta che il tempo si è stabilizzato. Seguendo questi consigli per 2 o 3 settimane, Apicoltura Laterza assicura che potrete contare su una famiglia di api ben popolata.

Informazioni aggiuntive